Abbazia San Pietro in Valle

Parapendio e Deltaplano

L’idea di volare, il desiderio di poter imitare gli uccelli, ha sempre destato nell’uomo sensazioni straordinarie. Dal mito di Icaro al genio di Leonardo da Vinci fino all’invenzione dei fratelli Wright. tuttavia, seduti in comode poltrone reclinabili non proviamo certo la sensazione di essere noi, con il movimento del nostro corpo, a consentire di librarci in aria.
Sensazioni invece che colpiscono piacevolmente gli appassionati del parapendio e del deltaplano. I primi, grazie ad un mezzo leggerissimo e di ridottissimo ingombro, hanno solo bisogno di una rincorsa e poi giù, verso la vallata, per un sport dell’aria divertente e praticabile senza grosse difficoltà.
Senza dimenticare che la facilità di apprendimento rende possibile il pilotaggio già nelle fasi iniziali. Gli altri, gli amanti del deltaplano, sanno di poter provare sensazioni analoghe. Magari più simili a quelle che si provano guidando un aliante, ma certo non meno divertenti e con una praticità d’uso e una maneggevolezza straordinaria del mezzo.
Anche qui. Basta caricarlo su un’auto, montarlo in pochi minuti e per il decollo è sufficiente la sola rincorsa del pilota. Il brivido del volo e lo spettacolo del paesaggio sotto di noi saranno il premio meritato al nostro desiderio d’avventura.
Le alture dell’Appennino umbro si sono rivelate particolarmente adatte per il deltaplano e il parapendio. Non bisogna dunque sorprendersi del crescente sviluppo di queste attività. Come non si sorprendono più gli abitanti di questa regione e i tanti turisti quando, alzando gli occhi verso il cielo, incontrano con lo sguardo coloratissimi velivoli in volo sui centri medioevali e sulle maestose e panoramiche zone dei Monti Sibillini, del Monte Cucco, del Monte Subasio, tanto per citare i principali territori dove si praticano queste affascinanti discipline.